"RIFLESSA" - LA FOTOGRAFIA "RIFLETTE" SU SE' STESSA - Note sul "corpo" poliedrico e multiforme della Fotografia

“Riflessa"

La Fotografia “riflette” su sé stessa

Note sul "corpo" poliedrico e multiforme della Fotografia

***

ANTEPRIMA della gallery

(a seguire, dopo un breve testo illustrativo, è visibile l'intera raccolta di immagini e di citazioni)

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“[La fotografia è:] Una fruizione di massa – più che […] una produzione autoriale e auratica – straordinariamente ordinaria, di uno sguardo quotidiano, distratto, sciatto, di un consumo immateriale e interstiziale dello sguardo difficilmente quantificabile che è semplicemente incontro con la protesi oculare artificiale, ma anche con libri e giornali, memorie familiari, album, adesivi, etichette, confezioni e prodotti commerciali, cartelloni pubblicitari, manifesti, cartoline, t-shirt, copertine, figurine, calendari, puzzle, orologi, tessere telefoniche che si insinuano praticamente ovunque, in una dimensione postindustriale che si nutre del frammento visivo.” Giovanni Fiorentino

 *** “Riflessa” La Fotografia “riflette” su sé stessa

Note sul "corpo" poliedrico e multiforme della Fotografia

di Gerardo Regnani

gerardo.regnani@gmail.com

In questa raccolta di immagini (in via di completamento), la Fotografia - attraverso ognuna di queste immagini, intendo - prova a “riflettere” su sé stessa, sui suoi statuti, sulla sua varietà multiforme e anche sempre più multimediale.

Una riflessione che si avvale di una pluralità di fotografie e di riflessioni, indirizzate ad esplorare, in particolare, una tara antica del “corpo” a più dimensioni della Fotografia, ovvero la sua perenne oscillazione tra il vero ed il falso. Un’ambiguità di fondo, quella della Fotografia, con la sua perenne oscillazione tra oggettività apparente dei suoi prodotti e l’ineliminabile soggettività connaturata con l’azione stessa del fotografare, che, da sempre, rappresenta uno dei nodi (critici) di discussione su questo strategico medium sempreverde. Senza dimenticare, come ho già scritto tempo fa, i riflessi connessi con la natura di virtuale ante litteram di questo mezzo, riemersa anche nella sua variante “postfotografica”, anch’essa comunque sistematicamente intessuta nel groviglio di segni, non solo mediatico, dei nostri tempi. Anche nella sua versione numerica, questa “ombra del reale” non sembra affatto in grado di garantire con certezza che esiste una relazione fra l’immagine e ciò che (forse) “è stato”, del quale essa sarebbe eventualmente una “traccia”. La Fotografia, piuttosto, sembra dimostrare, semmai, proprio il contrario e cioè l’impossibilità di una concreta duplicazione della realtà. Non vi sarebbe, altrimenti, differenza tra copia e modello originario. Si è di fronte ad una indeterminatezza pericolosa, alimentata anche dalla presenza della Fotografia in qualsiasi interstizio del nostro quotidiano – dall’abbigliamento agli imballaggi, dagli album di famiglia agli schedari segnaletici, dalle fototessere alla dimensione planetaria e rizomatica della rete – ove svolge, sovente inavvertita, una cruciale funzione di medium tra i media. E, al pari di una sorta di pianta selvatica, che germoglia praticamente ovunque, diviene talvolta anche pretesto visivo per discorsi diretti altrove. Discorsi che, di norma, sono “esterni” all’immagine stessa e riguardo ai quali una rappresentazione visuale si limita sovente a svolgere un mero ruolo funzionale di supporto visivo, praticamente una sorta di para-discorso a conferma di quanto è già veicolato da altri media, quali, per fare degli esempi, la parola scritta della “carta stampata” o il parlato della tv. Rimane comunque, nonostante le apparenze, un segno perennemente ambiguo, con tutto ciò che ne consegue, ad esempio in fase di ricezione, per chi lo usa come strumento di (re)interpretazione anche dell’ambiente naturale e/o sociale di riferimento, potendo talvolta veicolare “letture” distorte della realtà, anche diametralmente opposte a quelle di partenza."

Per favorire questo ulteriore sguardo sul medium, propongo una sorta di Fotografia "riflessa" in una specie di specchio d'acqua, che prova a restituirci, oltre alla superficie visibile dell'immagine, anche il suo "corpo" poliedrico e multidimensionale. Mostrando, almeno in parte, anche lo "scheletro" teorico sottostante, ovvero dei frammenti di quel sostrato culturale sul quale la Fotografia si fonda. Un universo significante dal quale attinge senso, valore e, non ultima, la capacità di "parlare", non ultimo, anche a sé stessa, alimentando, in tal modo, una specie di virtuoso circolo "ecologico", che, autoalimentandosi, sopravvive nel tempo.

E la "voce", attraverso la quale sembrano esprimersi e dialogare queste immagini con chi di volta in volta le osserva, si fonda e si alimenta di una serie - assolutamente non esaustiva ed arbitraria (della quale mi assumo, ovviamente, ogni responsabilità) - di citazioni e riflessioni più o meno note.

Si tratta, in fondo, di una soluzione narrativa - che fa vestire ad ogni fotografia proposta i panni di una sorta di ventriloquo immaginario - finalizzata alla realizzazione di un repertorio di immagini "parlanti" che caratterizza questa la mia parziale e per nulla rigorosa narrazione di quello strategico medium inter-media, definito uno specchio dotato di memoria, noto con il nome di Fotografia.

Per realizzare questo progetto ho attinto quasi esclusivamente dal mio piccolo archivio personale - composto di immagini apparentemente anche molto differenti e distanti tra loro (per contenuti, soggetti e intenti) realizzate a partire dagli Anni '80 in poi per  ricerche, reportage, nel tempo libero, etc. - scegliendo le riprese poi proposte volutamente quasi a caso.

Si tratta, in effetti, di una selezione molto variegata, ma sempre legate tra di loro da un filo rosso che le unisce. Un atto "politico", in sostanza, fondato sull'idea, forse discutibile, che ognuna di queste immagini potrebbe idealmente rappresentare l'emblematica traduzione visiva - o viceversa - del testo che vi ho inserito (del quale, per facilitarne la lettura, ho comunque riportato anche in una versione "in chiaro" subito dopo la relativa immagine).

Roma, 26 dicembre 2020

"Riflessa" (gallery)

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

(ritratto originale eseguito da A. E. P.)

“La fotografia è una scoperta meravigliosa, una scienza che avvince le intelligenze più elette, un’arte che aguzza gli spiriti più sagaci, e la cui applicazione è alla portata dell’ultimo degli imbecilli ... la teoria fotografica s’impara in un’ora; le prime nozioni pratiche, in un giorno ... Quello che non s’impara ... è il senso della luce ... è la valutazione artistica degli effetti prodotti dalle luci diverse e combinate ...” Nadar

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t., 2021, dalla serie "Riflessa".

"Nel caso proprio della fotografia la nozione di “realisticità” ha generato […] imbarazzi dal momento che il forte grado di automaticità caratterizzante il processo rende assai ardua l’interpretazione linguistica. Se infatti […] la realisticità è comunque una forma di linguaggio, una trascrizione, come può essere che un procedimento largamente automatico, possa produrla? […] Ecco allora i vantaggi offerti dalla rinuncia alla nozione di “realisticità” e dal rivolgersi invece a quella di “connessione” che senza inutili ipocrisie pone in risalto come per la fotografia la questione fondamentale rimanga quella di un’origine “in presenza”, tale cioè che l’immagine si presenti come una sorta di reliquia, di reale effettivo e non trascritto.” Claudio Marra

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

      

G. Regnani, Shirin Neshat  ("I had grown frustrated with the limitations of photography..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"I had grown frustrated with the limitations of photography, at least in the way I was approaching it. Photography was a medium that I had no training in, but had developed a particular style, which became the Women of Allah series. I needed a medium that offered me a new level of lyricism. So I made what felt like the bold decision to shift from photography to the moving image." Shirin Neshat, Scott MacDonald, "Between Two World: An Interview with Shirin Neshat," Feminist Studies, Fall, 2004

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

     

G. Regnani, Sarah Moon ("... Questa mattina, alla luce del giorno..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"…Questa mattina, alla luce di un giorno di pioggia, guardo a ritroso queste foto accumulate – momenti di veglia, frammenti di un secondo, passati da cima a fondo al rallentatore di un film che avrei vissuto per procura, più spesso fuori che dentro, totalmente inghiottita da questa visione preesistente che potrei fare mia solo derubandola al reale, falsificandola, reinventandola… <<la bugia è un sogno còlto sul fatto>> dice Céline… nelle mie fotografie si tratta di sogni o di allucinazioni?" Sarah Moon

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Sarah Moon ("Illusione... <<Whisfull thinking>> diceva..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"Illusione … <<Whisfull thinking>> diceva mio padre: basta volerlo vedere per credere di vederlo… e forse sì, prendo lucciole per lanterne – a forza di cercare il rovescio dell’evidenza, a forza di deambulare – passo passo, un piede, un occhio davanti all’altro, nell’oscurità in pieno giorno, sì, vedo dei miraggi, credo al miracolo, quando sento un’eco tra me e ciò che vedo, una risonanza, il ricordo di un ricordo di cui avrei perduto la traccia; si, l’occhio sente prima di vedere – e se fosse vero che “si sogna prima di contemplare e che prima di essere uno spettacolo cosciente, ogni paesaggio era un’esperienza onirica.(*)" Sarah Moon

(*) Jean Baudrillard

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Sarah Moon ("… l’avrei sognato prima di averlo visto..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"… l’avrei sognato prima di averlo visto, il cielo carico di nubi minacciose, lassù sulla collina, le tracce del vento nei campi d’orzo, la paura del bambino sul ponte, il cigno con le ali spiegate, fulminato in pieno volo e deposto sul tavolo, avrei sognato che la morte ha un volto, che la donna che si allontana ha perduto il suo amante e ancora, quanto ho scattato l’otturatore sulla natura pietrificata, a mezzogiorno in pieno sole in un totale silenzio, sola sulla strada che porta Jonquières, avrei sognato?" Sarah Moon

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Sarah Moon ("… Eppure mi ricordo, l’ho visto..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"… Eppure mi ricordo, l’ho visto proprio con i mei occhi, anche se l’avevo già visto, la luce troppo cruda e il paesaggio immobile. Era una domenica d’estate, laggiù, passavo, ho fotografato, lo so. Coincidenza?..." Sarah Moon

Coincidenze, Sarah Moon, Contrasto, 2001

 Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Ferdinando Scianna ("In realtà quello che mi interessa è..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"In realtà quello che mi interessa è raccontare le cose attorno a me, le cose che mi appassionano, le cose che mi indignano, le cose che mi piacciono. Per me fotografia e racconto non sono scissi[...] Per me la fotografia che non è racconto non so cosa diavolo sia. Ogni immagine può dire un testo ed è il testo che ha in testa quello che la sta facendo e che poi ci mette quello che la sta guardando. Questo testo a volte affiora." Ferdinando Scianna

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Ferdinando Scianna ("La forma di un’immagine,..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"La forma di un’immagine, come probabilmente di qualunque cosa, è quella che porta alla sua giusta temperatura quello che si dice. Se non c’è forma non c’è nulla, però la forma per sé non conta niente. Naturalmente ogni maniera di scrivere, fotografare, cantare, è diversa. E ciascuno cerca di dare la propria piccolavoce a quello che racconta. Non c’è niente che non abbia forma." Ferdinando Scianna

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Ferdinando Scianna ("Io sono in forte perplessità intorno all’evoluzione della fotografia..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"Io sono in forte perplessità intorno all’evoluzione della fotografia. Penso che la vicenda storica della fotografia, che nasce in epoca positivista con l’esigenza di misurazione e conoscenza del mondo (io l’ho scelta per questo), non corrisponda più alla dimensione culturale di oggi. Gli uomini hanno vissuto qualche milione di anni senza la fotografia, probabilmente possono cavarsela di nuovo senza la fotografia. Quello che sicuramente non può scomparire è l’esigenza appunto di esplorare, di sperimentare, di capire il mondo e, attraverso il mondo, se stessi. Di indignarsi, di vedere le differenze o le affinità. E in questo la parola e la fotografia vanno insieme." Ferdinando Scianna

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Ferdinando Scianna ("La fotografia concettuale o estetica non mi interessa..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"La fotografia concettuale o estetica non mi interessa, nel senso che non puoi guardare a una fotografia come guardi un quadro. Perché il quadro è nel talento di chi lo ha fatto, invece la fotografia per quanto straordinaria possa essere è sempre soprattutto il reperto di qualche cosa di reale che in quell’istante era davanti al fotografo [...] Perché sappiamo che sono un pezzo di esistenza." Ferdinando Scianna

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Ferdinando Scianna ("Tutti i linguaggi, per essere di qualità elevata,..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"Tutti i linguaggi, per essere di qualità elevata, hanno bisogno di una dimensione formale. La fotografia è comunque uno strappo di un momento della realtà, la grande fotografia è quella che si mette di fronte ad una realtà e attraverso lo sguardo ne coglie non solo il senso storico o aneddotico ma quello della forma[...] Il fotografo interpreta il mondo, lo guarda, lo racconta, ne recupera dei frammenti che possono fare a poco a poco, nel tempo, un racconto[...] Noi viviamo nel caos della vita, attraverso la fotografia cerchiamo senso. Il senso è la forma e la forma dà senso[...]" Ferdinando Scianna

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Mentre il regime delle immagini analogiche era incentrato sul culto del referente e della sua presenza fisica, quello delle immagini digitali tende a realizzare una significazione allo stato puro il cui ‘noema’ (per dirla alla Barthes) è l’assenza.” G. D. Fragapane

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020“

[Come] dimenticare qui la più celebre allegoria di questa specie. Che cos’è la famosa caverna di Platone se non già una camera scura – la più grande, io penso, che sia stata realizzata. Se egli avesse ridotto a un piccolissimo buco l’apertura del suo antro e rivestito d’uno strato sensibile la parete che gli serviva da schermo, Platone, sviluppando il fondo della sua caverna, avrebbe ottenuto un gigantesco film; e Dio sa quali conclusioni sbalorditive ci avrebbe lasciato sulla natura della nostra conoscenza e sulle essenze delle nostre idee […].” Paul Valéry

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Se non abbiamo gli strumenti per promuovere un’ecologia delle immagini, possiamo però tutelarci da esse attraverso la loro comprensione.” Gabriele D’Autilia

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia si qualifica come arte perché cerca il bello come la pittura” Julia Margaret Cameron

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

Fotografia ‘referenziale’ “Una fotografia addetta a rendere la parola del mondo, a testimoniare un certo punto di vista o a far conoscere ai lettori la ‘realtà’ di tale o tal altra condizione umana. Spesso è il discorso del fotografo-testimone, impegnato a (talvolta per) dare la parola alla storia o all’uomo. Una fotografia che vuol far credere a un discorso precedente al proprio e che ha il fine di produrre un effetto di ‘illusione referenziale’.” Jean-Marie Floch

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

Fotografia ‘sostanziale’ “[E’ una] negazione della funzione costruttiva del linguaggio fotografico senza che le parole della lingua, polisemiche e connotate, inducano qualche giudizio di valore. L’atto fotografico, qual è implicato dall’enunciato fotografico, mira questa volta al ‘grado zero della scrittura’. La fotografia sostanziale implica una autocancellazione davanti alla realtà, sia essa quella della materia, dell’oggetto o della storia nel suo farsi [...].” Jean-Marie Floch

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Imparare e insegnare a leggere la fotografia, un lavoro ancora non intrapreso sistematicamente a distanza di un secolo e mezzo dalla sua nascita, assume un enorme valore didattico ed etico.” Gabriele D’Autilia

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Witkin J.-P. ("When people see my work..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"When people see my work, there is no "gray area" of response. What they experience is either love or hate. People who hate what I make hate me, too. They must think I am a demon or some kind of evil sorcerer. Those who understand what I do appreciate the determination, love and courage it takes to find wonder and beauty in people who are considered by society to be damaged, unclean, dysfunctional or wretched.

My art is the way I perceive and define life. It is sacred work, since what I make are my prayers.

These works are the measure of my character, I am judged by myself, by my contemporaries and, finally, by God. My life and work are inseparable. It is all I have. It is all I need."

Joel-Peter Witkin, 1990

Joel-Peter Witkin, Germano Celant (a cura di), Edizioni Charta,Scalo Edition, 1995

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, Witkin J.-P. ("A partial listing of my interests: physical prodigies..."), 2021, dalla serie "Riflessa"

"A partial listing of my interests: physical prodigies of all kinds,pinheads, dwarfs, giants, hunchbacks, pre-op transsexuals, bearded women, active or retired side-show performers, contortionists (erotic), women with one breast (center), people who live as comic book heroes, Satyrs, twins joined at the foreheads, anyone with a parasitic twin, twins sharing the same arm or leg, living Cyclops, people with tails, horns, wings, fins, claws, reserved feet or hands, elephantine limbs, etc. Anyone with additional arms, legs, eyes, breasts, genitals, ears, nose, lips. Anyone born without arms, legs, eyes, breasts, genitals, ears, nose, lips. All people with unusually large genitals. Sex masters and slaves. Women whose faces are covered with hair or large skin lesions and who are willing to pose in evening gowns. Five androgynes willing to pose together al Les Demoiselles d'Avignon. Hairless anorexics. Human skeletons and human pincushions. People with complete rubber wardrobes. Geeks. Private collections of instruments of torture, romance: of human, animal and alien parts. All manner of extreme visual perversions. Hermaphrodites and teratoids (alive and dead). A young blonde girl with two faces. Any living mith. Anyone bearing the wounds of Christ."

Joel-Peter Witkin, 1985

Joel-Peter Witkin, Germano Celant (a cura di), Edizioni Charta,Scalo Edition, 1995

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La prospettiva centrale, sulla quale si fonda la figuralità fotografica, è [un’]operazione dell’intelletto e tutte le operazioni intellettuali […] possono essere meccanizzate” Renzo Chini

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Se da un lato la realtà fotografica è comunque un’illusione (l’immagine fotografica è sempre un’altra cosa rispetto all’oggetto fotografato), dall’altro si può dire che ogni illusione premeditata ad arte dal fotografo riceve, dalla fotografia, un attestato di verità. […] La foto, nata come scienza, favorisce il proliferare dell’illusione.” Francesca Alinovi

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La parola d’ordine di chi si impegna nei problemi sociali è <facciamo luce>, e in questa campagna a favore della luce abbiamo dalla nostra la scrittura della luce – la fotografia.” Lewis Hine

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Paradosso per paradosso: la fotografia sembra un’icona ma funziona come un indice, ovvero, la fotografia sembra un quadro ma funziona come un ready made.” Marra 2006

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il mondo è troppo complicato per ridurlo a una semplice immagine. Le immagini sono spesso dei codici per esemplificare quelle poche cose che pensiamo di conoscere. E spesso questa conoscenza si riduce a un clichè.” Philip-Lorca di Corcia

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“In qualsiasi società che non sia talmente assorbita nei suoi interessi né tanto piccola, che tutti siano in grado di sapere tutto su ciò che vi accade, le idee si riferiscono a fatti che sono fuori del campo visuale dell’individuo, e che per di più sono difficili da comprendere.” W. Lippmann

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il principale nodo teorico che da sempre è al centro di ogni riflessione sulla fotografia [è] quello relativo al ruolo dell’autore, alla sua capacità creativa, alla sua responsabilità di scrittura.” Claudio Marra

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“L’idea di copia , sia essa della natura o dell’opera d’arte stessa, si radica dunque nella cultura occidentale, e sembra guidare il pensiero degli artisti. L’arte, dal Rinascimento in poi, ha un fondamento tecnico-scientifico e manifesta una tensione verso la realtà e verso la verità che renderà possibile l’invenzione della fotografia.” Roberta Valtorta

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Nella storia della fotografia è sempre stata presente, ovviamente, una tendenza a trattare l’immagine come una costruzione d’insieme. Questo è stato spesso criticato come una forma di influenza della pittura sulla fotografia, un’influenza di cui la fotografia deve liberarsi per conquistare la sua specificità. Ma secondo me la specificità della fotografia è contraddittoria.” Jeff Wall

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il surrealismo è al centro della disciplina fotografica: nella creazione stessa di un mondo duplicato, di una realtà di secondo grado, più limitata ma più drammatica di quella percepita dalla visione naturale.” Susan Sontag

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Sia nel caso dell’innamorato e del rivoluzionario […] ciò che si afferma è la <<magia dell’immagine>>, la credenza cioè che l’immagine non è un equivalente, un <<segno>>, di quel che rappresenta, ma è la cosa stessa ch’essa rappresenta.” Liborio Termine

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia sembra essere un oggetto sfuggente e di complessa teorizzazione, presentandosi alla fruizione con identità multiple e sempre variabili.” Claudio Marra

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia è documento, è l’istantanea rivelazione della vita, è un punto di vista che implica giudizio e selezione dei fatti fissati nella loro apparenza essenziale” Lattuada Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

(ringrazio, per la gentile concessione, Cosimo Savina e Pietro D'Agostino)

“Sulle incantevoli sponde del Lago di Como, […], mi divertivo a prendere degli schizzi […]. Pensai allora [alla] Camera Obscura [… e] mi sovvenne un’idea …: come sarebbe affascinante se fosse possibile far sì che queste immagini naturali si imprimessero da sé in modo durevole e rimanessero fissate sulla carta!” W. H. Fox Talbot

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Ad ogni cambio di canale la fotografia cambia il suo significato: da uno scientifico a uno politico, da uno commerciale a uno artistico. In questo modo, la divisione delle fotografie nei vari canali non è soltanto un processo meccanico, è una procedura di codificazione. Sono gli apparati di distribuzione che imprimono sulla fotografia il significato finale per il ricevente. […] I canali di distribuzione, imedia codificano il significato finale delle fotografie.” Vilém Flusser

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La paradoja de nuestra era consiste precisamente en el divorcio entre información y conocimiento. Nunca con anterioridad habíamos recibido un flujo tan exuberante de datos y noticias, pero ese capital ya no garantiza el enriquecimiento de nuestro espíritu ni una mayor facilidad para tomar decisiones, porque resulta indigesto y nos bloquea.” Joan Fontcuberta

   

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il solo sentimento che si può provare per un fatto di cui non si ha un’esperienza diretta è il sentimento che è suscitato dall’immagine mentale di quel fatto [ecco perché] in certe situazioni gli individui reagiscono alle finzioni con la stessa forza con cui reagiscono alla realtà, e che in molti casi contribuiscono a creare proprio quelle funzioni cui reagiranno [attraverso] l’inserimento di uno pseudo-ambiente tra l’individuo e il suo ambiente [poiché] l’ambiente reale, preso nel suo insieme, è troppo grande, troppo complesso e troppo fuggevole per consentire una conoscenza diretta.” Walter Lippmann

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“E’ difficile sostenere che la funzione dei media consista nel fedele rispecchiamento della realtà […] ma rappresentano in sé un processo di semplificazione del reale. [Così come] è troppo semplice affermare che i media forniscono ciò che il pubblico desidera, legittimando questa posizione attraverso il ricorso insistente ai dati d’ascolto televisivo o sulla diffusione dei quotidiani.” Mario Morcellini

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“[…] Un problema teorico marginale ma non trascurabile: se, cioè, la didascalia sia un metalinguaggio o meno. […] Ritengo che essa non verta sulla fotografia ma sulla cosa fotografata, con la quale essa compare a determinare solidarmente la referenza; pertanto essa è un messaggio integrativo e non un metalinguaggio, nonostante sia <<linguisticamente>> diversa dall’icona.” Eugenio Miccini

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia ebbe un ruolo quasi altrettanto decisivo nel produrre il distacco tra l’industrialismo puramente meccanico e l’era grafica dell’uomo elettronico. Il passo dall’epoca dell’uomo tipografico a quella dell’uomo grafico venne compiuto con l’invenzione della fotografia.” Marshall McLuhan

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia può certamente vantare una sorta di primato cronologico, ma oseremmo quasi dire anche morale, nella storia dell’immagine analogica.” Claudio Marra

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La realtà è quella che i mezzi di comunicazione di massa ci fanno vedere o sentire o immaginare è sempre una rappresentazione, non un toccare con mano.” Giuseppe Mazzei

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Basta spesso un nonnulla per dare a una fotografia un significato diametralmente opposto alle intenzioni del reporter. Ne feci l’esperienza io stessa […] le due pubblicazioni avevano dato alle mie fotografie un significato diametralmente opposto, che rispondeva alle rispettive intenzioni politiche.” Gisèle Freund

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

La tendenza a inquadrare su di un aspetto il focus di un evento rientra tra le caratteristiche del fotogiornalismo; […] questa concentrazione può essere mitigata o, addirittura, amplificata dall’esterno, vale a dire attraverso il ricorso, ad esempio, al testo scritto, ad una didascalia, ad un titolo paradigmatico.” Alberto Papuzzi

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La realtà umana non è nella fotografia. Poiché la realtà umana è significato – concrezione, costruzione di significati rappresi – essa non può trovarsi nella fotografia, ma nell’intenzione del fotografo. Se non c’è l’intenzione, cade anche il significato, cioè il criterio selettivo, il dato emergente, la variabile decisiva.” Franco Ferrarotti

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Una rappresentazione concreta, sensibile (a titolo di riproduzione o di copia) di un oggetto (modello referente), materiale (una sedia) o concettuale (un numero astratto), presente o assente dal punto di vista percettivo, e che intrattiene un tale legame col suo referente da poterlo rappresentare a tutti gli effetti e consentirne così il riconoscimento e l’identificazione tramite il pensiero.” Jean-Jacques Wunenburger

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Le fotografie, e in particolare le fotografie istantanee, sono molto istruttive perché sappiamo che per certi aspetti assomigliano esattamente agli oggetti che rappresentano. Ma questa somiglianza è dovuta alle fotografie che state prodotte in circostanze tali per cui erano fisicamente forzate a corrispondere punto per punto alla natura. Da questo punto di vista, dunque, esse appartengono alla seconda classe di segni: i segni di connessione fisica [indici].” Charles S. Peirce

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“I fotogrammi astratti che Man Ray, Schad, Moholy-Nagy cominciano a realizzare fra il ’18 e il ’22, prima di essere delle fotografie astratte, sono delle antifotografie. Infatti esse derogano dall’uso della macchina fotografica, rifiutando l’ossessione ottica in essa implicita. Esse evidenziano il processo di manipolazione […].” Daniela Palazzoli

 

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Se si può dipingere un quadro a memoria o grazie alle risorse dell’immaginazione, la fotografia, in quanto traccia fotochimica, può essere condotta a buon fine solo in virtù di un legame iniziale con un referente materiale. E’ di questo asse fisico, sul quale si produce il processo della referenza, che parla Charles S. Peirce quando si volge alla fotografia come esempio di quella categoria di segni che chiama indicali.” Rosalind Krauss

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il nuovo processo al quale ho dato il mio nome, dagherrotipo, e che è molto diverso per rapidità, nitidezza dell’immagine, delicata gradazione dei toni e, soprattutto, perfezione nei dettagli, è di molto superiore a quello inventato dal signor Niépce [è permette di] ottenere una immagine perfetta della natura […]” Louis-Jacques Mandé Daguerre

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Forse proprio nell’ineliminabile ambiguità, indecifrabilità della fotografia, nell’impossibilità di appiattirla a un unico significato, sta una delle sue risorse fondamentali.” Gabriele D’Autilia

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia ha, secondo Barthes, la caratteristica di nascondere se stessa esibendo la realtà per quel che è, o meglio, per quel che si vede. Adoperando un puro linguaggio deittico – che indica la realtà senza significarla – la fotografia assume su di sé l’utopia del grado zero della scrittura." G. Marrone

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La scoperta che annuncio al pubblico è una delle pochissime che per i principi, i risultati, la benefica influenza sulle arti, possono essere annoverate fra le invenzioni più utili e straordinarie. Consiste nella riproduzione spontanea delle immagini della natura ricevute nella camera obscura, non a colori, ma ricche di bellissime gradazioni tonali.” Louis-Jacques Mandé Daguerre

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il noema della Fotografia è semplice, banale; nessuna profondità: “E’ stato”. [Una] evidenza [che] può essere sorella della follia [...] L’immagine, dice la fenomenologia, è un nulla di oggetto.” Roland Barthes

 

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Una benché lontana parentela con la fotografia l’abbiamo sempre respinta con disgusto e con disprezzo perché fuori dall’arte. La fotografia in questo ha valore: in quanto riproduce ed imita oggettivamente, ed è giunta con la sua perfezione a liberare l’artista dalla catena della riproduzione esatta del vero.” Umberto Boccioni

 

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La macchina fotografica diventa sempre più [...] capace di afferrare immagini fuggevoli e segrete, il cui effetto di shock blocca nell’osservatore il meccanismo dell’associazione. A questo punto deve intervenire la didascalia, che include la fotografia nell’ambito della letteralizzazione [...], e senza la quale ogni costruzione fotografica è destinata a rimanere approssimativa. Non a caso certe lastre di Atget sono state comparate alle fotografie del luogo di un delitto.” Walter Benjamin

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

 

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“[…] Ma forse il settore più radicalmente rivoluzionario della fotografia fu quello delle arti tradizionali. Il pittore non poteva più dipingere un mondo tanto fotografato. Passò allora, con l’espressionismo e l’arte astratta, a rivelare il processo interno della creatività.” Marshall McLuhan

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Io credo che l’arte è e non può essere se non la riproduzione della natura […] Poiché la fotografia ci dà tutte le garanzie desiderate di esattezza (così credono, gli stolti!), l’arte è ben la fotografia […] Essendo l’industria fotografica il rifugio di tutti i pittori mancati, troppo poco dotati o troppo pigri […], questo universale esagerato entusiasmo ha non soltanto il carattere della cecità e dell’imbecillità, ma anche il tono d’una vendetta [dell’industria sull’arte].” Charles Baudelaire

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia è prima di tutto un’idea, il desiderio del fantasma, che precede la data fatidica del 1839, per vivere una gestazione durata a lungo nel tempo. E poi nella metropoli industriale che si diffonde, piattaforma essenziale dello sviluppo della comunicazione visiva generalista, che esonera l’artista dalla riproducibilità analogica del reale ed entra, fin dal suo primo annuncio, in relazione con arti, scienze, letteratura, economia e mercato dei consumi. Rapidamente si fa oggetto di riflessioni previsionali che traducono prima del tempo l’essenza della civiltà dell’immagine.” Giovanni Fiorentino

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Essendo l’industria fotografica il rifugio di tutti i pittori mancati, troppo poco dotati o troppo pigri […], questo universale esagerato entusiasmo ha non soltanto il carattere della cecità e dell’imbecillità, ma anche il tono d’una vendetta [dell’industria sull’arte]. Se si permette alla fotografia di sostituire l’arte […] essa l’avrà ben presto soppiantata o corrotta completamente, grazie alla naturale alleanza che troverà nella scempiaggine della moltitudine. Bisogna dunque che essa ritorni al suo vero compito, che è d’esser la serva delle scienze e delle arti, ma la più umile serva […] Ma se le si permette di invadere il dominio dell’impalpabile e dell’immaginario, soprattutto ciò che vale perché l’uomo vi ha aggiunto qualcosa della sua anima, allora sventurati noi! Charles Baudelaire

 

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia come lotta contro la morte, un’illusione di immortalità. La fotografia è […] un’operazione industriale e commerciale di proporzioni enormi.” Franco Ferrarotti

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La fotografia è una traccia del reale. Il punto di partenza di questa modernità è la presa di coscienza della natura tecnica del procedimento fotografico, il principio elementare dell’impronta luminosa retta dalle leggi della fisica e della chimica.” Philippe Dubois

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Non è certamente uno meriti minori di C. S. Peirce quello di aver potuto […] analizzare, dal 1895, lo “statuto” teorico del segno fotografico superando la concezione primaria della foto come mimesi, cioè facendo saltare quell’autentico ostacolo epistemologico della rassomiglianza tra l’immagine e il suo referente. E se egli ha potuto far saltare questo ostacolo, è perché ha preso in considerazione non solo il messaggio come tale, ma anche e soprattutto lo stesso modo di produzione del segno. Con Peirce, ci si accorge che non si può definire il segno fotografico al di fuori delle sue “circostanze”: non si può pensare la fotografia al di fuori della sua iscrizione referenziale e della sua efficacia pragmatica.” Philippe Dubois

 

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Bisogna […] opporre la fotografia, messaggio senza codice, al disegno […] che è un messaggio codificato.” Roland Barthes

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“Il messaggio fotografico è un messaggio continuo [analogon].” Roland Barthes

Home - indice

https://gerardo-regnani.myblog.it/

G. Regnani, s.t. dalla serie "Riflessa", 2020

“La maggior parte delle fotografie-choc che ci sono state mostrate sono false in quanto appunto hanno scelto uno stato intermedio tra il fatto letterale e il fatto maggiorato: troppo intenzionali per essere fotografia e troppo esatte per essere pittura, perdono necessariamente, a un tempo, lo scandalo della lettera e la verità dell’arte: si è voluto farne segni puri, senza risolversi a dare almeno a questi segni l’ambiguità, il ritardo di uno spessore